Fa causa all’ospedale: invalido chiede i danni per le «cure sbagliate»

L’Associazione per i diritti del malato porta alla luce il caso di Maniago: «Riccardi ci incontri, aspettiamo giustizia»



Un invalido civile che fa causa all’azienda ospedaliera per quelli che ritiene errori medici ma, soprattutto, rende pubblico il proprio calvario di diabetico: è questa la storia che parte da Maniago e viene portata alla luce dalla locale sezione dell’Associazione per i diritti del malato. A raccontarla è Sergio Brandolisio, responsabile del sodalizio cittadino che si batte per cure adeguate e rapide.

«Questo maniaghese è riconosciuto come invalido dal 2009 a causa di una grave forma di diabete – ha spiegato Brandolisio –. Negli anni a peggiorare le cose si sono aggiunte un’estesa frattura ossea e quelle che a nostro avviso sono state delle negligenze professionali. Sul punto abbiamo avviato una vertenza per ottenere il risarcimento dei danni, ma la pratica è ancora in corso e ci rimettiamo alla decisione dei giudici. Il messaggio che però vogliamo far trasparire è che la vita di un diabetico con complicazioni rappresenta un inferno quotidiano e molto spesso le istituzioni latitano».


«Nel nostro caso l’uomo ha perso il lavoro in quanto non è più in grado di sollevare alcun peso – ha continuato il referente dell’associazione con sede a Udine –. Le visite oculistiche e cardiologiche molte volte vengono effettuate da privato: le liste d’attesa superano abbondantemente la metà del 2020 e la sindrome di cui soffre l’iscritto non consente accertamenti così in là nel tempo. Il residente della cittadina delle coltellerie cammina con il girello e deve essere accompagnato in ogni sua incombenza. Se piove, anche il recarsi all’ospedale di via Unità d’Italia per i prelievi del sangue diventa un’odissea».

Infine i denti, con problemi di alimentazione avendo compromesso gran parte della cavità orale. «La nostra speranza è che la sanità pubblica sia più vicina alle persone affette da queste patologie così invalidanti – ha concluso Sergio Brandolisio –. Del resto stiamo parlando di soggetti che per anni hanno lavorato e pagato onestamente le tasse. Ci piacerebbe incontrare di persona l’assessore regionale Riccardo Riccardi per potergli esporre l’episodio che riguarda un cittadino di Maniago e tanti altri simili, diffusi sull’intero territorio del Friuli Venezia Giulia. Non è corretto che vi siano anziani ma anche giovani che faticano ad arrivare alla fine del mese a causa del proprio stato di salute».

Infine, un accenno alla questione giudiziaria per i presunti errori medici che avrebbero aggravato il quadro clinico del paziente. «Tutti facciano la loro parte e accelerino i tempi della decisione finale perché un eventuale risarcimento versato dopo un decennio non ha alcun senso logico e morale», è stata la conclusione del segretario dell’associazione.

17 visualizzazioni
  • Facebook
  • Instagram
ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO - ONLUS
Iscrizione registro regionale FVG n. 368
 
Sede:
Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine
Piazzale Santa Maria della Misericordia, 11
Padiglione 14, Piano 2°
33100 Udine (UD)

Telefono: 0432 552227
E-mail: dirittimalatoudine@gmail.com
PEC: dirittimalatoudine@pec.csvfvg.it

© 2018-2019 Associazione di Tutela Diritti del Malato della Provincia di Udine - C.F. 94072900304